Dimensione del carattere:

MIO FIGLIO CI VEDE MALE?

I primi anni della vita sono importanti per lo sviluppo della visione. Perciò la scoperta precoce dei difetti visivi è indispensabile affinché prevenire futuri problemi ottici. Al di fuori delle malformazioni, i disturbi visivi più frequenti nell’infanzia sono i difetti di refrazione (bisogno di portare gli occhiali) e lo strabismo. In entrambi i casi può darsi che il bambino non si lamenti di vederci male. Questo test vuole aiutarvi a scoprirlo per voi stessi.

Rispondete alle seguenti domande segnando la casella che rappresenti meglio la vostra risposta.

No
Avete osservato se vostro figlio ha un occhio che devia anche se minimamente?
Avete notato se il bambino strizza sempre lo stesso occhio quando è per strada?
Piega la testa da un lato quando presta attenzione a qualcosa?
Copritegli un occhio e poi l’altro. Notate delle differenze nel riconoscere un oggetto?
Si avvicina troppo al televisore od al foglio di carta quando disegna?
Socchiude gli occhi quando guarda qualcosa lontana?
Sbatte le palpebre con frequenza?
Si lamenta di mal di testa le sere?
Ha gli occhi rossi molto spesso?
Presenta desquamazione deli cigli o ha li orzaioli con frequenza?
RISULTATI DEL TEST

Risposte affermative alle domande 1, 2 e 3

Se ciò accade dopo i sei mesi d’età è assai probabile che il vostro figlio abbia un problema di strabismo. Non trascurate questo disturbo per piccolo che sia. Le vitamine ed il tempo non glielo rimedieranno.

Risposta affermativa alla domanda 4  

Vostro figlio ha un difetto visivo in uno dei due occhi (occhio pigro). Dovete andare dall’oftalmologo quanto prima.

Risposta affermativa alla domanda 5

Tutti i bambini sono inclini ad avvicinarsi al televisore ed ai loro disegni. Questo particolare senza nessun altro sintomo non implica difetti visivi.

Risposte affermative alle domande 6, 7, 8, 9 e 10.

Di solito il bambino si lamenta di vederci male quando esiste un problema grave di refrazione. Se non è così, e dopo le vostre osservazioni avete risposto SI a tutte, od almeno a due delle domande, di questa sezione è consigliabile che consultate l’oftalmologo che vi indicherà il trattamento necessario.